Categoria Pluralia

La mia non è poesia – Floriana Porta

Collana Pluralia
pp. 44, Euro 11,00
ISBN 978-88-96313-32-9

 La mia non è poesia – Floriana Porta

l’anima è nuda
ruota in un’orbita
di plasma e cartilagini
ad ogni sorso d’acqua
a me sembra più viva

Floriana Porta è nata a Torino nel 1975. È poetessa, fotografa, pittrice e collabora con diversi siti e blog letterari. Ha pubblicato cinque libri di poesie e haiku: Verso altri cieli (Digital Book – Edizioni REI, 2013), Quando sorride il mare (AG Book Publishing, 2014), Dove si posa il bianco (Sillabe di Sale Editore, 2014), L’acqua non parla (Librerie Editrice Urso, 2015) e Fin dentro il mattino (Fondazione Mario Luzi Editore, 2015).
Sito web: www.florianaporta.it

Leggi tutto

Pierino Gallo, (a cura) – La plume et le coeur – La penna e il cuore

LA_PENNA_E_IL_CUORE[1]newCollana Pluralia
pp. 83, Euro 15,00- ISBN 978-88-96313-04-6
La plume et le coeur – La penna e il cuore,
a cura di Pierino Gallo
è il secondo volume della collana Pluralia di Aljon Editrice

“… L’architettura  dell’antologia segue un piano ordinato e regolare: ogni componimento ( o coppia di componimenti) è preceduto da un breve profilo del poeta e da una possibile pista interpretativa. I poemi veri e propri, poi, sono inseriti in lingua originale (francese)  e corredati da una traduzione italiana a fronte, in modo da favorire ancora una volta, quel prolifico arricchimento umano e culturale tra due lingue sorelle, tanto per il comune ceppo romanzo, che per la storica generosità di suggestioni, di scuole poetiche e di personalità geniali…”

Pierino Gallodall’introduzio...

Leggi tutto

Bonifacio Vincenzi (a cura di), Paesaggi

paesaggiCollana Pluralia
pp. 83, Euro 15,00
ISBN 978-88-96313-09-1
Paesaggi a cura di Bonifacio Vincenzi  è il primo volume della collana Pluralia di Aljon Editrice (foto di copertina di Nicodemo Misiti)

…Ogni collina, ogni pianura, ogni luogo, ogni ombra o luce, ogni degrado o maestosa bellezza diventano qui santuario in cui la natura esprime ciò che ha e ciò che le viene tolto. Ma esprime anche  tutto il sentire del poeta che guardando non può e non vuole allontanarsi da se stesso.
Su queste pagine nessun poeta è posseduto da ciò che guarda; l’io che enuncia, che parla non retrocede, non si disperde nella poesia. È, invece, fortemente dominante con il suo carico completo, spesse volte,  anche di angoscia, di solitudine, di crisi, di tensione. O, nel caso in cui lo stato d’animo del poeta sia sereno, aperto sì alla dimensione dell’incanto, del sogno, della gioia, della bellezza, tuttavia sempre presente a se stesso, sempre vivo, mai disperso.
Nella profonda verità di questo libro ogni ulteriore riflessione sarebbe soltanto speculativa.
Alla lettura, dunque, il compito di svelare  il senso di questi Paesaggi.

Bonifacio Vincenzi, dall’introduzione

Leggi tutto